Calcio d’inizio per il progetto PROBREAST “Un approccio integrato per il trattamento personalizzato dei pazienti affetti da carcinoma mammario”.

Calcio d’inizio per il progetto PROBREAST “Un approccio integrato per il trattamento personalizzato dei pazienti affetti da carcinoma mammario”.

.                                                                            

UNIONE EUROPEA
Fondo europeo di sviluppo regionale

 

È stato avviato ufficialmente PROBREAST, un progetto finanziato a valere sul Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale POR MARCHE FESR 2014/2020 – ASSE 1 – OS 1 – AZIONE 1.1- INT. 1.1.1 “Promozione della ricerca e dello sviluppo negli ambiti della specializzazione intelligente” BANDO 2019. Il progetto, del costo complessivo di circa 1.500.000 €, riceverà dall’Unione Europea, attraverso la Regione Marche, un contributo pari ad 846.325,00 €.

Il progetto intende sviluppare una soluzione innovativa per la diagnosi e la definizione di prognosi del cancro alla mammella, integrando l’analisi molecolare del profilo genetico con l’analisi delle caratteristiche istomorfologiche del tumore catturate da un microscopio digitale ad alta risoluzione. L’integrazione dei dati di patologia molecolare con quelli di patologia digitale permetterà di definire un algoritmo di intelligenza artificiale in grado di stabilire il rischio di recidiva del tumore in maniera più accurata rispetto sia ai metodi tradizionali, sia ai test genetici predittivi di recente introduzione nella pratica clinica, ma ancora di scarso impiego.

Alla realizzazione del progetto partecipano quattro piccole e medie imprese del territorio marchigiano: due PMI innovative Diatech Pharmacogenetics (capofila) e NTP Nano Tech Projects, Flowing e BiMind.

L’integrazione sinergica delle diverse competenze dei quattro partner, dall’oncologia di precisione e biologia molecolare di Diatech Pharmacogenetics alla microscopia digitale di NTP Nano Tech Projects, dal Deep e Machine Learning di Flowing al system integration di BiMind, consentirà di realizzare una soluzione in grado di differenziare le pazienti con rischio elevato di recidiva del carcinoma mammario che possono beneficiare della chemioterapia da coloro che invece possono evitarla senza pericolo ed a vantaggio della propria qualità di vita.

2020-10-28T15:36:23+00:00